Quando sapere troppo è una condanna a morte!

Nel lontano 1992 due famosi magistrati che si impegnarono molto per ripristinare la legalità in Sicilia e in tutta Italia, furono vittime di Cosa Nostra, perché i risvolti che le loro indagini avrebbero potuto avere costituivano un ostacolo che andava a tutti i costi aggirato. Allo stesso modo Peppino Impastato, famoso giornalista sostenitore della legalità, fu ucciso per conto della mafia. Ancora oggi la mafia è un ente inarrestabile, un mostro contro il quale in tanti lottano vanamente, che ha sempre la meglio e sempre di più si manifesta in ulteriori ambiti. Esempio di questo dipanarsi della criminalità organizzata è l’ecomafia. Negli ultimi anni il rapporto mafia-ambiente è spesso al centro dell’attenzione mediatica. Nello specifico, un problema che si estende a macchia d’olio è quello dei rifiuti tossici accumulati e bruciati nella cosiddetta terra dei fuochi. Di ciò si occupano largamente politici, giornalisti e magistrati. Un PM che con gran vigore si è battuto per combattere l’ecomafia nella terra dei fuochi è stato il calabrese Federico Bisceglia, collaboratore attivo dell’Operazione Terra Mia il quale ha ricevuto in più occasioni il premio Ambiente e Legalità nell’ambito di Festambiente, il festival nazionale di Legambiente. Al centro della cronaca del mezzogiorno è la morte del magistrato, avvenuta la sera dell’1 marzo mentre viaggiava sulla Salerno-Reggio Calabria a bordo della sua auto. Inizialmente è stata accolta l’ipotesi di un improvviso colpo di sonno che avrebbe causato la fuoriuscita del veicolo dalla carreggiata, ma l’accidentale morte di una personalità tanto impegnata contro la mafia e ogni altra forma di criminalità, non per tutti è imputabile ad una fatalità, soprattutto se si considera che il fatto è avvenuto lungo un tratto di strada in ottimo stato e non trafficato. La procura di Castrovillari ha avviato le indagini sulla morte del PM per scoprire se dietro il fatale incidente è celato un brutale omicidio. L’unico testimone in grado di fornire informazioni sull’incidente è la dottoressa Anna Russolillo, che era in compagnia del magistrato durante il viaggio che gli è costato la vita, ma quest’ultima sostiene che si sia trattato solo di una tragedia e che non ci sia alcun mistero nascosto dietro la morte del temuto magistrato anti-ecomafia. Le dichiarazioni della donna non soddisfano però la procura e molte personalità politiche, che si dichiarano sostenitori della famiglia Bisceglia e grandi ammiratori del magistrato deceduto, così è stato deciso di attuare un’autopsia per chiarire le cause che hanno provocato la morte di Bisceglia e di sottoporre ad analisi anche il veicolo che l’uomo stava guidando. Ignote sono le dinamiche di questo misterioso incidente e diversi sono i punti di vista espressi: alcuni sostengono che tutto questo clamore non sia altro che una trovata dei media finalizzata a suscitare uno scaldalo, altri, invece, sono assaliti dal timore che l’incidente sia in realtà un omicidio colposo ai danni di un personaggio che era a favore della legalità. Se così fosse ci si ritroverebbe nuovamente di fronte ad un caso di giustizia stroncata dalla criminalità, e Bisceglia diventerebbe un ennesimo emblema di sconfitta subita da parte della criminalità organizzata. La speranza è che il magistrato sia stato vittima di un infausto destino che ha voluto porre fine alla sua esistenza troppo presto e non di un cruento assassinio ispirato dalla volontà di stroncare una personalità troppo forte e, dunque, possibile espugnatrice di atti criminali dettati da ignoranza e incapacità di eccellere in un mondo troppo grande per poter accogliere le esigenze del singolo e troppo crudele per porre la vittoria sempre e solo nelle mani di uno stesso individuo.

Francesca Nicoletti
ecomafia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...