Angolo Lettura: “Se Steve Jobs fosse nato a Napoli ”

Stefano Lavori (traduzione dall’inglese “Steve Jobs”) e Stefano Vozzini (“Steve Wozniak”) sono amici e abitano a Napoli. Il primo, Stefano Lavori, è chiamato anche „o gè (il genio) dai conoscenti dei Quartieri Spagnoli, ap-punto dove abitano loro. I due decidono di avviare un‟attività commerciale: il sogno di Lavori è di creare un computer ultra veloce, una “scheggia”. Vozzini pensa al design e al logo: una Q, una sola lettera ma con un grande significato, stava ad indicare i Quartieri. Con una piccola cifra iniziale acquistano l‟occorrente per rea-lizzare il primo computer, e con il ricavato della vendita ne potranno fare altri. Quando tutto sembra procede-re secondo i piani, bussa alla loro porta la prima piaga italiana: la burocrazia. C‟erano diversi obblighi da ese-guire prima di avviare un‟attività di quel genere, tipo l‟iscrizione alla Camera di Commercio e apertura posizio-ne INPS, che costano una cifra abbastanza alta e che i due non possono permettersi, essendo ancora alle pri-me armi. I due consultano un commercialista che suggerisce loro un prestito dalla banca. Ma le banche, si sa, danno in prestito soldi a chi li ha già. Con la buona volontà e la grinta i due Stefano riescono a superare an-che questo ostacolo, ma non è finita qui. Sembri che la sfortuna sia dalla loro parte. Alla porta del garage una sera, bussa l‟ennesima piaga: la camorra. I camorristi li obbligano a pagare un pizzo di mille euro entro due giorni. I due non sono disposti a cedere, così si rivolgono a un commissario che fa posizionare delle telecame-re nel laboratorio, in modo da poter entrare in azione nel momento giusto. Dopo ore di attesa del giorno do-po, i camorristi si presentano nel luogo e mentre escono dal garage con il pizzo in mano vengono arrestati con una facilità assurda, come se niente fosse. Quando tutto sembrava finito, una mattina, Lavori fu svegliato da un forte botto proveniente dal garage, una bomba aveva distrutto tutto, Stefano pensa subito che sia sta-ta un‟azione vendicativa da parte degli altri camorristi del clan, così ai due Stefano fu consigliato di allontanar-si da Napoli per un certo periodo di tempo per far calmare le acque vista la situazione che si era creata. I due si troveranno, dopo due anni, nello stesso posto di sempre, con la stessa grinta e la voglia di un tempo.

Adele Carpino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...