In diretta dallo stadio San Vito – Gigi Marulla Cosenza-Catanzaro 1-1

Domenica 14 febbraio, allo stadio “San Vito – Gigi Marulla” di Cosenza, si è disputato il 44° derby della Calabria, Cosenza- Catanzaro, valevole per il ventiduesimo turno del girone C di Lega Pro. Quest’anno come non mai questo incontro ha valore fondamentale per il proseguo della stagione, che vede le due rivali storiche occupanti zone diverse della classifica. Il Cosenza di mister Roselli, grazie a un buoni risultati in trasferta ma soprattutto all’imbattibilità “nelle mura amiche”, è in piena corsa per un posto nei play off. Mentre il Catanzaro, nonostante il cambio di panchina, da D’Urso ad Erra, vaga nelle zone basse della classifica, con un occhio timoroso alla zona play out. Ma come nasce la rivalità tra le due squadre, e contestualmente tra le due città? Inizialmente il rapporto tra le due tifoserie era disteso, soprattutto perché dal 1963 al 1984 le due squadre non si incontrano in partite ufficiali del campionato: erano gli anni d‟oro del Catanzaro, con la conquista della serie A; mentre il Cosenza era costretto a remare controcorrente, perennemente assillato da problemi societari. Dopo la morte di Nicola Ceravolo, storico presidente
dell‟epoca della serie A, i giallorossi retrocedono per due volte di fila e così nel 1984 si trovano a giocare in serie C pro- prio con il Cosenza. Il 18 novembre dello stesso anno per la prima volta le due squadre si incontrano: l’imponente carovana di tifosi cosentini a Catanzaro vie- ne fatta oggetto di sassaiole e basse provocazioni. La reazione non manca, si accendono incidenti e scontri che proseguono sia durante la partita che dopo per la strada. Il bilancio dei feriti e dei danneggiamenti è disastroso. Ed è così che decenni di rapporti complessivamente cavallereschi tra le due città sono vanificati. Tornando a noi, la partita che è andata in scena nel giorno di San Valentino è terminata sul punteggio di 1-1. Una gara molto divertente e corretta. Un gol per tempo e risultato che, tutto sommato, rispecchia l’equilibrio del match, con le reti di Patti per il vantaggio giallorosso, e La Mantia per il pareggio rossoblu. Da sottolineare la vasta cornice di pubblico con la presenza di oltre 8000 spettatori che hanno animato e reso la partita ancora più emozionante con cori e coreografie dedicate ad entrambe le squadre.

Amedeo Carpino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...