Due piazze per Cellara

Le storie e il ricordo di Marco Reitano e Agata Cesario consegnati per sempre alla popolazione cellarese con l’intitolazione di due spazi pubblici.

Il mese di agosto di quest’anno costituisce per Cellara un momento di riappropriazione ufficiale di due spazi pubblici intestati alla memoria di due personalità locali tanto amate. Nel pomeriggio di sabato 6 agosto, infatti, il largo che separa l’incrocio tra la strada provinciale e C.so Vittorio Emanuele, conosciuto da tutti come “la rotonda”, è stato intitolato al medico Marco Reitano. Mentre, nella mattina di sabato 27 agosto, la villetta di fronte al cimitero, sarà dedicata alla professoressa Agata Cesario. Queste intitolazioni succedono a due atti simili precedenti: la dedica a Don Teofanio Pedretti dello stabile sede dell’oratorio, e quella della via che conduce al cimitero intestata al ricordo del Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa. La nuova piazza “Marco Reitano” è stata realizzata recentemente, a seguito di un lungo procedimento di esproprio di quello che già da molti anni, e per diverse ragioni, si può considerare uno spazio, di fatto, pubblico. L’intenzione è quella di dare ai cellaresi una piazzetta che effettivamente manca, dato lo scarso utilizzo di Piazza Fera. Chiaramente, i primi lavori si sono limitati a un semplice livellamento dello spazio, ma si spera che, grazie a un finanziamento, si possa riuscire, nei prossimi anni, ad un intervento di miglioramento estetico e funzionale. La piazza “Agata Cesario” è uno spazio di verde pubblico già esistente, realizzato diversi anni fa e poi generalmente lasciato in stato di abbandono. Con un finanziamento, inizialmente previsto per un’area diversa, si è inteso, quindi, migliorare uno spazio che, per il suo posizionamento, rappresenta un luogo importante, oltre a essere l’unico spazio di verde attrezzato esistente sul territorio comunale. La scelta della intitolazione a queste due personalità è motivata dal ricordo ancora vivo che i cellaresi ne conservano e, soprattutto, dal grande apporto culturale che queste due figure hanno garantito a Cellara nel corso delle proprie vite e attività professionali. Parliamo, inoltre, di due persone estremamente legate al nostro territorio e punti di riferimento costanti per i cittadini. Marco Reitano fu medico condotto del paese, svolgendo la professione per decenni e guadagnandosi la fiducia dei pazienti anche dei paesi limitrofi al nostro. Quello che ha sempre colpito di Reitano, però, è stato soprattutto il modo in cui sapeva porsi alle persone, oltre, ovviamente, all’amore ininterrotto verso la professione, espresso anche oltre il pensionamento. Agata Cesario fu stimata professoressa di lettere che ha manifestato, non solo nella propria professione, tutto il proprio talento, attraverso raccolte di poesie e dipinti. Inoltre, la poetessa, ha lavorato insieme allo stimato parroco Don Fano, all’unica opera (“Cellara attraverso i secoli”) attualmente esistente, dedicata alla storia del nostro comune. Questa amministrazione ha tenuto, dunque, a tramandare il ricordo di queste figure speciali alle giovani generazioni e a quelle che verranno, ritenendo che due atti del genere fossero dovuti a tutta la comunità e andavano realizzati già da tempo.

Il consigliere comunale Giovanni Bozzo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...