Rinascita

A distanza di qualche anno, riprende l’attività della Pro Loco cellarese con un gruppo rinnovato.

È rinata la Pro Loco “Carmine Chilelli” di Cellara. «Ebbene sì, dopo qualche anno di inattività abbiamo deciso di ricostituire la pro loco nel nostro paese, con lo scopo di unire per fare del bene e per divertirci lavorando per la nostra amata Cellara». Queste le parole del presidente, Eugenio Nicoletti, eletto da tutti i membri del gruppo che ad oggi è formato da 16 persone: trattasi di abitanti di Cellara che hanno messo in campo se stessi per rapportarsi e collaborare con le autorità e i compaesani, incentivati dallo scopo di far rinascere un’ associazione che in questi ultimi anni si era sgretolata pian piano fino a sparire del tutto dalla scena. «Non è stato facile, perché la burocrazia non ha giocato a nostro favore, ma ci siamo impegnati, abbiamo persino girato la Calabria pur di essere accolti ed ascoltati dagli enti competenti, abbiamo indetto riunioni per dedicarci allo statuto costitutivo, abbiamo imparato a conoscere noi stessi come elementi che fanno parte di uno stesso gruppo in cui l’ultima parola è detta dalla maggioranza,in nome del principio di democrazia, ci siamo urlati contro, abbiamo avuto idee contrastanti, ma finalmente oggi la Pro Loco è una realtà che dopo varie peripezie siamo riusciti a riaffermare», fa sapere il presidente. La pro loco si è già messa in gioco con la giornata dedicata al Trekking che ha riscosso molto successo ed è stato un momento di unione e di-vertimento per tutti quelli che vi hanno partecipato, ha preso parte alla giornata ecologica tenutasi il 30 giugno e sta già programmando eventi previsti nel mese di agosto. In conclu-sione il presidente racconta: «In questi pochi mesi abbiamo già dovuto “lottare” contro chi remava e rema contro, ma non ci tiriamo indietro di certo, siamo pronti ad accogliere chiunque voglia unirsi a noi perché condivide i nostri stessi ideali e a rispettare anche chi non ci vorrebbe, sperando di sorprenderli in positivo, così da farli ricredere. Non sono mancate le sane collaborazioni con altre associazioni del paese, come l’oratorio Don Teofanio Pedretti, e ci auguriamo che non manchino in futuro perché collaborare per un fine comune rafforza i rapporti e solo creando un clima di serenità e unità riusciamo a lavorare bene».
La Pro Loco è stata intitolata di nuovo a Carmine Chilelli, paesano conosciuto e stimato da tutti e legato tantissimo alla sua Cellara, non ci sono stati dubbi ed esitazioni da parte dei membri: tutti d’accordo sul volergli intitolare il nome dell’as-sociazione.

A cura della Pro loco “Carmine Chilelli”